Dieta Scarsdale. Regole fondamentali della dieta Scarsdale

La dieta Scarsdale ha avuto il suo apice negli anni 1980 e 1990. Fondato da un cardiologo americano, questo metodo si basa su una dieta ipocalorica. Revisione dettagliata.

Un cardiologo americano, Scarsdale, si rese conto, mentre curava gli ex prigionieri della guerra del Vietnam, che chi aveva conosciuto i campi di internamento – e quindi una dieta molto limitata – si trovava, dal punto di vista cardiovascolare, in condizioni molto migliori di chi aveva rimasto al fronte. Dedusse da questa paradossale osservazione che l’iponutrizione del primo si era rivelata più benefica dell’ipernutrizione del secondo. Scarsdale ha usato questo per sviluppare il suo metodo.

Cosa contiene Kanabialica?

Regole fondamentali della dieta Scarsdale

  1. Non bere alcolici o bevande zuccherate;
  2. Tra i pasti, mangiare nient’altro che carote o sedano a discrezione;
  3. Le uniche bevande ammesse sono: caffè nero, normale o decaffeinato, the, acqua tonica senza zucchero, acqua dietetica qualunque sia il gusto. Puoi bere quando vuoi;
  4. Condire tutte le insalate senza olio o maionese o condimenti ricchi. Usa solo limone e aceto;
  5. Prepara e mangia le verdure senza burro, margarina, olio o altri grassi. Usa invece il limone;
  6. Le carni devono essere molto magre, sgrassate e preparate senza olio né burro;
  7. Non è assolutamente necessario consumare tutti gli ingredienti citati, ma non vanno sostituiti con altri o aggiunti ad essi. Attenersi alle combinazioni indicate;
  8. Non sovraccaricare lo stomaco: fermati non appena ti senti pieno;
  9. Non prolungare questo trattamento oltre le due settimane;
  10. Ripeti esattamente lo stesso programma ogni due settimane.

Quindi passare a una dieta di mantenimento. I regimi di questo ordine hanno alcune restrizioni ma consentono ancora molte libertà.

Qual è la dieta vegetariana? Qual è il principio?

Dieta Scarsdale

Alimenti proibiti nella dieta Scarsdale

Nella dieta Scarsdale, i cibi proibiti sono:

  • zucchero : utilizzare solo edulcoranti ipocalorici;
  • patate pasta e qualsiasi prodotto a base di farina normale ;
  • loro latticini grassetto ;
  • loro configurareloro dolci e altri dolci. Solo frutta o gelatina senza zucchero;
  • Massimo 2 fette di pane al giorno ;
  • 120 ml di vino al giorno (secco e senza zucchero) o 220 ml di birra basso contenuto calorico (evitare birre normali).

Mantenere il peso dopo la dieta Scarsdale

Gli alimenti base di una dieta di mantenimento sono:

  • il sedano e il carotein tutti i casi;
  • Tutti i carni magre (compreso il maiale), pesce fresco o congelato. Questi cibi vanno preferibilmente grigliati e cotti senza grassi;
  • Il crostacei molluschi (servito senza salsa ipercalorica);
  • Il uova in qualsiasi forma, preparato senza burro, olio o margarina;
  • Tutti i formaggi magri ;
  • Frutta e verdura a volontà.

In generale è importante adottare una dieta ipocalorica, evitando grassi e zuccheri a favore delle proteine. Uno dei migliori consigli che puoi dare è quello di raggiungere il tuo peso ideale alternando 2 settimane di Dieta delle fibre rigorosa e 2 settimane di dieta di mantenimento. Si presume che una volta raggiunto questo peso, la persona si sarà liberata delle sue cattive abitudini alimentari per trasformarle solo in eccezioni. Le quantità non sono indicate perché questi alimenti possono essere consumati a piacimento.

La dieta Scarsdale è molto restrittiva. Può esporre a carenze e affaticamento. È quindi piuttosto sconsigliabile seguirlo a lungo termine.

Il parere del comitato di esperti

Sabrina Philippe, psicologa

“Con questa dieta, sono prevedibili disturbi dell’umore, così come un rapido recupero di peso che può portare a sentimenti di fallimento”.

Mathieu e Maxime, allenatori sportivi

“Molto facile da seguire perché molto guidata, questa dieta è però molto restrittiva e troppo squilibrata (poca calorica, povera di carboidrati e ricca di proteine). È un metodo molto commerciale che vende una rapida perdita di 8 Kg in 14 giorni… necessariamente impossibile stabilizzarsi in modo sano senza carenza. Può causare disturbi alimentari”.

Aurélie Guerri, dietista nutrizionista

“Troppo ipocalorica per mantenere un apporto sufficiente per l’organismo, questa dieta comporta un alto rischio di carenze (soprattutto di acidi grassi essenziali, di minerali tra cui il calcio e di alcune vitamine). È quindi molto restrittiva con effetti dannosi per la salute, secondo il rapporto ANSES”.

Domi.L.

Sono un professionista dell'industria farmaceutica laureato in farmacia, ho esperienza nella consulenza e nella ricerca di prodotti per la salute. La mia esperienza professionale mi ha portato a sviluppare il gusto per i media scritti attraverso diversi siti web legati al benessere delle persone come www.losarcanos.it, dove negli ultimi 4 anni ho creato recensioni sui diversi prodotti disponibili sul mercato per aiutare le persone a trovare una possibile soluzione ai loro problemi di salute.